Chi Sono?

Nata in provincia di Trapani, cresciuta a Palermo, ho vissuto a Taormina, Roma e Milano, per poi rientrare nella mia amata Sicilia. Adesso vivo a Catania e tutte le volte che posso compro un biglietto aereo alla scoperta di mete esotiche e lontane.

Sono Fabiola, viaggiatrice per passione.

Ho aperto questo blog con il desiderio di condividere le mia passione per i Viaggi, considerazioni e (dis)Avventure, raccontandole con ironia e leggerezza, giusto per il piacere di sorridere e sognare insieme. 

Sono una lavoratrice a tempo pieno ma con “l’erba sotto i piedi”, con quella voglia sempre di partire e scoprire il mondo.

Scrivere è un hobby, al quale dedico il mio tempo libero, insieme al disegno digitale e alla lettura, in attesa di un nuovo bliglietto aereo e un nuovo viaggio.

Ho visitato una parte dell’Europa, ma i viaggi che mi hanno regalato emozioni indimenticabili sono quelli che ho fatto oltre oceano. Ho cominciato con il Sud America, visitando il Messico, Santo Domingo (due volte) e Cuba. Sono andata a Bali. Poi Capo Verde, il Madagascar, il Marocco. Sono tornata verso l’oriente, visitando la Thailandia e la Malaysia. Il mio prossimo viaggio sarà il Vietnam (si, mi sono innamorata dell’Asia).

Il mio desiderio più grande è quello, un giorno, di poter viaggiare con un biglietto aereo di sola andata.

Organizzo in modo autonomo i miei viaggi, dalla partenza al rientro, dal volo alle escursioni, “studiando” mete, territori, cultura, religione e storia. I miei viaggi li strutturo in modo tale da dedicare la prima parte alla conoscenza dei luoghi, con spostamenti itineranti e ritmi incalzanti, per poi concludere al mare e vivere lentamente e a piedi scalzi, tra palme e tramonti. Viaggio principalmente da sola ma non rifiuto mai una buona compagnia con cui condividere una nuova avventura di viaggio.

MI RILASSA: leggere, l’odore della pioggia, le gite fuori porta, il cibo etnico, un bicchiere di vino rosso (non siciliano), l’aromaterapia, stare a piedi scalzi, il suono del mare, il silenzio.

NON AMO: il caos e il rumore, discutere, concentrarsi sui problemi e non sulle soluzioni, l’arroganza, chi guarda il bicchiere “mezzo vuoto”, chi non si assume impegni e responsabilità.

NON TOLLERO: la mancanza di empatia nelle persone, l’ignoranza volontaria.